ULTIME NOTIZIE:

***********************

25 agosto 2019

La ASDTT IVREA riprenderà l'attività pongistica 2019/20 venerdì 13 settembre.

***********************

Nel menù in alto, sezione ''Documenti utili'':

''ITTF - Handbook 2019 (regolamenti completi ITTF)'';

''Le regole del gioco'';

''Tecnica di base'';

''Dizionario pongistico inglese'', raccolta termini inglesi del Tennis Tavolo;

''Storia del Tennis Tavolo'' (origini e foto storiche);

''Festività 2019/20'';

''Software gestione Gare F.I.Te.T.'';

''Rivista Tennistavolo (Federale)'';

''Videogame Tennis Tavolo''.

Tipologie Gomme e telai:

Nella sezione ''Tecnica di Base'' abbiamo parlato di ''Racchetta da Tennis Tavolo''.

La racchetta è composta da un TELAIO e da uno o due rivestimenti in GOMMA.

Come da Regolamento Tecnico di Gioco ufficiale F.I.Te.T. (la versione italiana si riferisce alla stagione agonistica 2017/18; per quello aggiornato, solo in lingua inglese, cliccare qui), almeno una delle due facce del telaio deve essere ricoperto da gomma (il dettaglio relativo al tipo di gomme verrà affrontato più avanti sempre in questa sezione); le gomme devono avere una colorazione rossa e una colorazione nera e nel caso una delle due facce non abbia la gomma deve essere comunque colorata, in modo opaco, del colore inverso alla gomma presente.

In commercio è possibile trovare racchette già assemblate (Pre-made bats), utilizzate o a livello amatoriale o durante la fase di approccio al Tennis Tavolo in cui ognuno deve apprendere la tecnica del Tennis Tavolo e il proprio personale stile di gioco.

Il vantaggio di queste racchette è averle già pronte per l'utilizzo; lo svantaggio è che una volta che le gomme sono consumate, per come sono incollate al telaio non è possibile cambiarle, anzi se si tenta di staccarle quasi sicuramente si strappano o si scheggia la struttura in legno del telaio; inoltre tali racchette permettono di imparare ed eseguire in modo limitato i colpi visti nella sezione ''Tecnica di Base''.

Nelle racchette personalizzate (Custom bats) ognuno sceglie, a seconda delle proprie caratteristiche atletiche e del tipo di gioco voluto (attacco, difesa, neutro detto anche Allround, basato su colpi ad effetto, basato su colpi senza effetto) il tipo di gomma e il tipo di telaio personalizzando appunto il materiale utilizzato acquistandolo non nei negozi amatoriali ma nei pochi negozi presenti in Italia specializzati in materiale per Tennis Tavolo agonistico: 3T TUTTO TENNIS TAVOLO di Mirko Poggi e Gian Luigi Rodrigo (Genova); EFFEPI SPORT di Giuseppe Pagano (Santa Margherita Ligure - GE); TT PLANET di Emanuele Cuminetti (Milano); TT SATURN di Daniele Saturno (Bollate - MI); ZEROPONG di Marzia Bucca (Palermo).

In seguito si analizzeranno i parametri su cui agire per personalizzare la propria racchetta e si apprenderà quindi il motivo per cui non è semplice trovare subito il materiale ''adatto al proprio stile di gioco'' in quanto è questione di esperienza acquisita sul campo.

 

Il Telaio:

Come da Regolamento Ufficiale F.I.Te.T., la racchetta può essere di qualsiasi dimensione, forma e peso ma il telaio deve essere piatto e rigido; almeno l'85% dello spessore del telaio deve essere di legno naturale; uno strato adesivo all'interno del telaio può essere rinforzato con materiale fibroso (come fibra di carbonio, fibra di vetro o carta compressa) ma non deve essere più spesso del 7,5% dello spessore totale o di 0,35 millimetri quale che sia il più piccolo.

Il manico (impugnatura) del telaio piò essere di tre tipi: Dritto (ST), Concavo (FL) o Anatomico (AN).
Il manico Dritto è adatto a giocatori che prediligono avere più libertà di aggiustamenti di orientamento della superficie della racchetta (detta anche Piatto) o che addirittura girano la racchetta durante il gioco; il manico Concavo è adatto a giocatori con mano piccola o che prediligono una sensazone di impugnatura più ''sicura'' (tale manico tende a spingere la mano verso il piatto della racchetta); il manico Anatomico è adatto a giocatori con mani grandi e presenta una leggera bombatura sul centro (tale manico tende a posizionare la mano verso il fondo del manico stesso).

Il tipo di legno utilizzato, il numero di strati, l'eventuale esistenza di strati interni di materiale fibroso e il peso (espresso in grammi) sono gli elementi che differenziano un telaio da un altro:
un tipo di legno duro oppure strati di fibra di carbonio o di vetro velocizzano il comportamento di un telaio ed è quindi adatto a giocatori Attaccanti; un tipo di legno morbido e/o leggero (come ad esempio la Balsa) rallenta il comportamento di un telaio ed è quindi adatto a giocatori Difensori
.

Un telaio viene quindi classificato, per quanto detto prima, in Defensive (DEF, da difesa), Allround (ALL, tutti i tipi di gioco) e Offensive (OFF, da attacco) con tutte le classificazioni intermedie (esempio DEF-, DEF+, ALL-, ALL+, OFF-, OFF+).

I parametri principali che caratterizzano un telaio sono Tipo di gioco (DEF, ALL, OFF e così via), Peso, Strati (se si nota un numero e poi +2 vuol dire che sono presenti 2 strati di materiale fibroso in fibra di carbonio o di vetro oltre agli strati di legno), Elasticità (E= Elastico; CE= Controllo Elastico; VE= Veloce Elastico; QR= Quasi Rigido; R= Rigido), Controllo (maggiore è il valore e maggiore sarà il controllo del telaio), Velocità (maggiore è il valore e maggiore sarà la velocità di risposta del telaio), Tipo impugnatura (ST, FL, AN).

A seconda delle case costruttrici o dei negozi sopra elencati, i parametri appena visti vengono forniti, online o nei cataloghi, in modi differenti o alcuni sono assenti e proprio per questo motivo risulta a volte più difficoltoso analizzarli in modo paritetico e giungere ad una scelta di un determinato telaio; inoltre i parametri sono molto soggettivi e devono essere valutati anche in base al grado di ''sensibilità'' (chiamato anche ''Tocco di palla'') di ogni atleta.

 

Le gomme:

All'inizio di questa sezione è stato anticipato che almeno una delle due facce del telaio deve essere ricoperto da gomma; le gomme devono avere una colorazione rossa e una colorazione nera e nel caso una delle due facce non abbia la gomma deve essere comunque colorata, in modo opaco, del colore inverso alla gomma presente.

Come si può notare nel Regolamento Ufficiale F.I.Te.T., esistono i seguenti tipi di gomme:

 

  1. Gomma sandwich con puntinatura interna (Gomma liscia normale con grip, detta semplicemente Gomma liscia), costituita esternamente da materiale liscio/appicicoso (che causa attrito fra gomma e pallina) e internamente da puntini (minimo 10 per centimetro quadrato e massimo 30 per centimetro quadrato), che sono attaccati ad uno strato di gommapiuma (non è normale gommapiuma bensì materiale celluloide); tale strato di gommapiuma è incollato al telaio. Lo spessore massimo ''gomma + gommapiuma + adesivo fra gommapiuma e telaio'' non deve superare i 4 millimetri.

  2. Gomma sandwich con puntinatura interna (Gomma liscia normale senza grip, detta ''Anti-Spin'' oppure ''Anti-Top''), costituita esternamente da materiale liscio/scivoloso (che causa scivolamento fra gomma e pallina) e internamente da puntini (minimo 10 per centimetro quadrato e massimo 30 per centimetro quadrato), che sono attaccati ad uno strato di gommapiuma (non è normale gommapiuma bensì materiale celluloide); tale strato di gommapiuma è incollato al telaio. Lo spessore massimo ''gomma + gommapiuma + adesivo fra gommapiuma e telaio'' non deve superare i 4 millimetri.

  3. Gomma sandwich con puntinatura esterna lunga o corta (Gomma puntinata lunga / corta), costituita esternamente da puntini lunghi o corti (minimo 10 per centimetro quadrato e massimo 30 per centimetro quadrato; la lunghezza massima del puntino non può superare i 2 millimetri) e internamente da un sottile strato di gomma liscia incollato ad uno strato di gommapiuma (non è normale gommapiuma bensì materiale celluloide); tale strato di gommapiuma è incollato al telaio. Lo spessore massimo ''puntini + gommapiuma + adesivo fra gommapiuma e telaio'' non deve superare i 4 millimetri.

  4. Gomma con puntinatura esterna lunga o corta (Gomma puntinata lunga / corta), costituita esternamente da puntini lunghi o corti (minimo 10 per centimetro quadrato e massimo 30 per centimetro quadrato) e internamente da un sottile strato di gomma liscia incollato direttamente al telaio. Lo spessore massimo ''puntini + adesivo di fissaggio al telaio'' non deve superare i 2 millimetri.

 

Le gomme lisce (con grip) vengono utilizzate da giocatori che prediligono i colpi con effetti (Top Spin, Side Spin, palleggi con effetti inferiori ''Back Spin'').
Il vantaggio di queste gomme è che permettono appunto l'esecuzione di colpi con effetti; lo svantaggio è che tali gomme subiscono gli effetti eseguiti dal giocatore avversario quindi sono necessari controllo di gioco, tecnica e costante allenamento
.

Le gomme Anti-Top e le gomme Puntinate (lunghe o corte) vengono utilizzate da giocatori che prediligono tattiche di controllo o difesa o ''disturbo di gioco''.
Il vantaggio di queste gomme è che non subiscono gli effetti eseguiti dall'avversario, quindi è più facile controllare la pallina durante il gioco; lo svantaggio è che chi utilizza queste gomme non può eseguire effetti quindi risulta avere un ''repertorio di gioco'' più limitato, inoltre deve saper utilizzare e affinare la tecnica mediante con questo materiale in modo da ''disturbare'' adeguatamente il gioco dell'avversario (per meglio comprendere questo aspetto guardare i video sotto riportati, in cui si noterà la diversità di comportamento fra gomme lisce, anti-top e puntinate)
.

Le gomme producono un suono particolare durante il gioco: le lisce normali, soprattutto quelle moderne con ''effetto colla fresca'' emettono un ''chock'' sempre più evidente mano a mano che si velocizza e potenzia il gioco; le Puntinate producono un suono ''sordo attutito'' mentre le Anti-Top un suono attutito ma più secco rispetto alle Puntinate.
Questi tipi di suoni subiscono dei lievi cambiamenti a seconda dell'intensità e della velocità dei colpi e effetti ricevuti sulle gomme.
Proprio le differenze di suoni fanno sì che un atleta possa, in ogni fase di gioco, scegliere adeguatamente la tattica di gioco.

Abbiamo detto che le gomme Puntinate e Anti-Top ''disturbano'' il gioco avversario.
Analizziamo meglio questo aspetto e per farlo si ripropone uno dei video sulla Teoria degli effetti con gomme lisce normali visto nella sezione ''Tecnica di Base''
:

 


Video dimostrativioteoria degli effetti con gomme lisce normali

 

Dal video si nota come la pallina, qualunque sia l'effetto, inverte la sua rotazione una volta che colpisce una gomma liscia normale.
Per questo motivo due giocatori con gomme lisce normali hanno, durante il gioco, comportamenti simili di contrasto dei colpi: se uno dei due giocatori dà alla pallina un effetto superiore (quindi con piatto della racchetta chiuso in avanti che colpisce sopra alla pallina), l'avversario contrasterà l'effetto sempre con un movimento superiore (quindi con piatto della racchetta chiuso in avanti che colpisce sopra alla pallina); se uno dei due giocatori dà alla pallina un effetto inferiore (quindi con piatto della racchetta aperto che colpisce sotto alla pallina), l'avversario contrasterà l'effetto sempre con un movimento inferiore quindi con piatto della racchetta aperto che colpisce sotto alla pallina).

Analizziamo ora cosa succede fra un giocatore che utilizza una gomma liscia normale e uno che utilizza gomme Anti-Top (Anti-Spin) o Puntinate, aiutandoci con il video sottostante:

 

Video dimostrativi comportamento gomme lisce (normal rubber),
puntinate corte (short pimples), puntinate lunghe (long pimples)
e anti-spin (o anti-top)

 

Dai video si nota come la pallina, qualunque sia l'effetto, mantiene la sua rotazione una volta che colpisce una gomma Anti-Top oppure Puntinata.

Data la facilità di confusione, si può dire che, rispetto al giocatore con gomma liscia, le gomme Anti-Top e Puntinate invertono l'effetto; rispetto al giocatore con gomma Anti-Top o Puntinata, tali gomme mantengono lo stesso tipo di rotazione della pallina (quindi non invertono).

Ecco il motivo per cui l'atleta con gomma liscia normale, che gioca contro un atleta con gomma Anti-Top o Puntinata, deve essere sempre attento al tipo di effetto che dà alla pallina: se il giocatore con gomma liscia dà alla pallina un effetto superiore, l'avversario con gomma Anti-Top o Puntinata non subisce l'effetto e lo restituisce indietro con la stessa rotazione; il giocatore con gomma liscia riceve quindi un effetto inferiore e dovrà ''aprire il piatto della racchetta'' ed effettuare un palleggio colpendo inferiormente la pallina per evitare che la pallina stessa si diriga verso la rete; nella fase successiva la gomma Anti-Top o Puntinata restituisce nuovamente la rotazione quindi il giocatore con gomma liscia riceve una pallina superiore e dovrà quindi ''chiudere il piatto della racchetta'' ed effettuare uno scambio o un effetto superiore per evitare che la pallina si diriga verso l'alto; e così via (questa tecnica si chiama anche ''gioco alternato'').

 

Come per i telai, anche la scelta delle gomme avviene analizzando determinati elementi: elasticità e viscosità (tipo di grip) della parte superiore della gomma (per gomme lisce e anti-top), elasticità e struttura dei puntini (per gomme puntinate), elasticità e consistenza della gommapiuma, spessore della gommapiuma.

Tutti questi elementi si riassumono nei seguenti parametri: Stile di gioco (DEF, ALL, OFF e così via come per i telai), Tipo di gomma (liscia, Puntinata lunga, Puntinata corta, Anti-Spin), Colore (rosso o nero), Velocità, Controllo, Spin (maggiore è il valore, maggiore è la quantità di rotazione che potrà essere data alla pallina quindi maggiore sarà la sensibilità della gomma agli effetti), Grado di durezza gommapiuma (alcune case costruttrici lo esprimono in gradi, altre in Morbida / Medio-morbida / Medio-Dura / Dura; nel caso di espressione in gradi, maggiore è il numero e maggiore sarà la durezza quindi la rigidità della gommapiuma; solitamente dai 35° ai 38° = gommapiuma morbida ''soft'', dai 39° ai 42° = gommapiuma media, dai 43° ai 50° = gommapiuma dura ''hard''), Spessore gommapiuma (alcune gomme Puntinate non hanno la gommapiuma e viene indicato un valore ''OX'').

Anche per la scelta delle gomme (quindi anche per la scelta dell'eventuale diversità fra le due gomme da assemblare sul telaio), i parametri devono essere valutati anche tenendo conto del tipo di sensibilità dell'atleta.